LA PODEROSA – Qualità, abbondanza e birra artigianale “dalla cella al bicchiere”

Proprietari Julian Vega e Giuanluca D'Amico- La Poderosa
Julian Vega & Gianluca D’Amico – La Poderosa.

Primo dicembre 2016: nella “periferia del centro storico” nasce La Poderosa, un circolo che in brevissimo tempo diviene punto di riferimento per la birra artigianale a Macerata nonché il luogo ideale per chi ama panini di qualità senza rinunciare all’abbondanza. I suoi muri colmi di scritte raccontano storie e pensieri dei numerosi avventori che animano questo spazio. Dalle parole dei due soci Julian Vega e Gianluca D’Amico scopriamo la storia del circolo di via Berardi e cosa lo rende unico nel panorama dei locali maceratesi.

Interno locale- La Poderosa Macerata

Bancone - La Poderosa Macerata

Ciao Gianluca, iniziamo con te e con le birre che spilli ogni giorno. Con che criterio le selzionate? Avendo un impianto indipendente, siamo liberi, scegliamo in base al periodo dell’anno e in base al nostro gusto personale e a quello dei soci… Cerchiamo birre locali e ci forniamo da Malaripe di Ripe San Ginesio, Il Mastio di Urbisaglia, Mc77 di Serrapetrona, Mukkeller di Porto Sant Erpidio, Carnival di Offida, Oltremondo di Pesaro Urbino, Maltenano di Servigliano,  Godog di Jesi. Avendo 6 vie, garantiamo sempre alternanza di stili, abbiamo una pils fissa, la “Cerna Hora”, la birra che accontenta tutti, e poi rotiamo sempre una blanche, qualcosa di belga (qundi di dolce), un’IPA, una luppolata, e una birra nera. Quello che non troviamo “on tap” lo proponiamo in frigo, dove ci sono  bottiglie anche di birrifici internazionali, sempre e solo artigianali. E puntiamo molto anche su whisky: abbiamo una selezione di livello, c’è rotazione e ricerca di prodotti, soprattuto con single malt scozzessi.

Whisky Paddy, Bowmore -La Poderosa Macerata
Whisky Paddy, Bowmore -La Poderosa

Come ti sei appassionato a questo mondo? La passione c’è sempre stata, dai tempi del Faber, il locale maceratese di Vicolo Ferrari che frequentavo assiduamente. Poi ho coltivato il tutto per conto mio, da autodidatta, e ho avuto la fortuna di incontrare mastri birrari che mi hanno insegnato molto.

Julian, tu ti occupi principalmente della parte culinaria. Cosa contraddistingue i tuoi celebri panini? Lavoriamo principalmente con prodotti locali: il maiale arriva da una ditta di Tolentino, il pollame da una Sarnano, mentre per i vitelli ci affidiamo a mattatoi di Fermo e Loro Piceno. Non facciamo hamburger ma lavoriamo con il quinto/quarto, dal classico fegatino al cuore, passando per la trippa. Ci sbizzarriamo con diverse preparazioni che di solito non si trovano e con tagli pregiati come la picanha e lo sfilacciato irlandese. Il venerdì abbiamo anche il pesce: pesce spada, polpo, tonno, moscardino, salmone, in base alla stagionalità. I nostri panini sono conditi con delle salse particolari che preparo io, dalla maionese fatta in casa alla “fiatella” che è la nostra salsa più caratteristica (a base di habanero) al chimichurri argentino. Tra le nostre specialità c’è anche il Pastrami: lo preparo con il reale di vitellone, una parte del collo che viene marinato, speziato e affumicato. Farcisco con senape, miele, cipolle caramellate e cavolo viola, affumicato anch’esso, e maionese. Sul nostro menù ci sono anche le Bombette pugliesi rivisitate da me: sono degli involtini di braciola di maiale con dentro pecorino, pancetta affumicata, pomodori secchi e capperi. E non ci fermiamo ai panini, il nostro menù è in continua evoluzione: siamo specializzati in fritti e per occasioni speciali come festa di laurea e compleanni cerchiamo di soddisfare ogni richiesta, sperimentando anche proposte particolari e pietanze vegetariane.

Panino Pastrami - La Poderosa Macerata
Pastrami – La Poderosa

Come ti sei “formato” professionalmente? Sono in Italia dal 90′ e ho fatto molto esperienze, tra cui un periodo importante da Franco & Elio, la storica pasticceria di Piazza Mazzini. Nel 2002 mi sono trasferito a Tenerife e lì ho cominciato a lavorare seriamente in cucina, passando da fare il lavapiatti fino ad Hotel a 5 stelle. Nel 2009 sono tornato qua, lavorando alla Locanda “Le Logge” di Urbisaglia, poi è toccato al Terminal e infine l’ Eco Bar del Parco Fontescodella dove ho lavorato a fianco di Gianluca… Li ho conosciuto anche Marco Simoni di Birrifirma con cui è iniziata l’avventura del La Poderosa.

Preparazione Panino Pastrami - La Poderosa Macerata

Veniamo alla musica, come organizzate i vostri concerti? Facciamo due serate al mese, di solito di venerdì, ricercando tutto ciò che è musica indipendente. Tra i gruppi che abbiamo ospitato mi piace citare i toscani The Cogs, il loro è stato un super live punk! E proprio in questi giorni è in corso il Monobanda Crew Fest Festival .  Abbiamo partecipato già la scorsa edizione, quest’anno lo facciamo insieme a due locali amici come Spulla e BeerBang. La prossima tappa è il 29 marzo con due artisti sudamericani The Amazing onemanband & Belly Hole Freak.

SONY DSC – Ph: Luca Paciaroni

Oltre le serate musicali proponete altre attività culturali? Certo! Come mostre e workshop. Ti faccio due esempi a cui teniamo molto: giovedì 28 marzo inauguriamo la mostra “MISKITU NARA SA [ QUI VIVONO I MISKITU ] – Narrazioni indigene dal Nicaragua” di Giulia Trobbiani, un progetto che oltre al valore fotografico e artistico ha una forte connotazione sociale e prova a dare una mano alle popolazioni indigene del Nicaragua tramite la ristrutturazione della Casa Museo Tininiska.

E poi sono aperte le iscrizioni al Corso di degustazione birra di I° livello targato Unionbirrai, primo tassello di un più lungo percorso di crescita che raggiunto il titolo di degustatore UBT (Unionbirrai Beer Taster) aprirà ai partecipanti le porte dei più importanti appuntamenti birrari della penisola e non solo. Il primo corso che in 11 lezioni affronta tutti i principali temi legati alla birra ed alla sua conoscenza di base: dalla storia alla geografia birraria, dalle materie prime alla produzione, dal corretto servizio agli abbinamenti con il cibo passando per la normativa in vigore, senza ovviamente dimenticare le tecniche di degustazione e la compilazione della scheda di degustazione.

Che tipo di clientela avete?  La nostra clientela è molto variegata, anche se la fascia di età dei nostri clienti è un po’ più alta rispetto ad altri tipi di locali che lavorano per lo più con gli universitari.

Cosa pensate vi differenzi dagli altri locali di Macerata? Noi siamo completamente indipendenti, non siamo legati a nessun fornitore, scegliamo in completa libertà. Dopo la chiusura del “Minimo circolo birraio”, siamo rimasti gli unici a non avere fornitore, cerchiamo di rispettare al 100% l’idea originaria di birra artigianale. Un prodotto più fresco di così lo trovi solo al birrificio, lo andiamo a prendere direttamente “dalla cella al bicchiere”.

Come vedete lo stato dell’arte nel mondo delle craft beer? I primi birrifici artigianali italiani lavorano dal 1995, ormai sono più di vent’anni, parlare di moda è assurdo, hanno fatto storia, sono diventati conosciuti nonostante la concorrenza industriale. All’epoca il consumo della birra era ridicolo a livello numerosi, negli anni è cresciuto esponenzialmente, i microbirrifici col tempo rischieranno di non trovare più mercato perché si alza il livello. Ci sarà una selezione al rialzo.

Birra del cuore? Julian: THP di Birrifirma con la canapa, che presto tornerà! Gianluca: Difficilissimo scegliere … ti dico Best bitter di San Peter’s!

Birra in bottiglia ''Best Bitter'' - La Poderosa

Non vi abbiamo ancora chiesto … perché “Poderosa”? Cercavamo un nome che suonasse bene e viste le origini argentine di Julian abbiamo pensato di citare la moto di Che Guevara tenuta su col fil di  ferro, traballante ma sicura. Un po’ come questo locale: costruito da zero interamente da noi, dal bancone alla spillatrice.

Ratata' - La Poderosa Macerata
Ratata’ – La Poderosa Murales realizzato da Massimiliano Vitti durante il Ratata’ 2017
Tavoli - La Poderosa Macerata
Interno locale- La Poderosa

Concludiamo cosi: diteci 3 aggettivi che descrivano voi “poderosi”: rustici, sinceri e abbondanti 🙂

Lucrezia Ippoliti
Julin Vega, Gianluca D’amico e Tyler Alesiani – La Poderosa

Foto: Giovanni Martone

SEGUI BIRRERIA PODEROSA – CIRCOLO CULTURALE

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.