FABRIC – Birra artigianale e panini gourmet in Vicolo Ferrari

Riccardo Carotti e Fabio Prosperi

FABRIC, Vicolo Ferrari 10-12, Macerata. Riccardo Carotti e Fabio Prosperi ci raccontano il loro locale e la sua natura ibrida: un po’ birreria, un po’ pub, il Fabric è mutato nel tempo mostrando diverse anime e attirando una clientela sempre più ampia.

Siete aperti dal dicembre 2015. Come è cambiato il Fabric in questi 2 anni? Dall’apertura ad oggi sono cambiate molte cose, soprattutto a livello quantitativo. Il locale è cresciuto molto pertanto abbiamo triplicato il menù e aumentato il numero delle birre per cercare di soddisfare le richieste e i gusti di tutti i nostri clienti.

Come scegliete le vostre birre? Le cambiamo tutti i giorni, cercando di stringere legami fidati con birrifici di qualità. Siamo sempre alla ricerca di nuovi produttori, preferibilmente poco lontani ma quando vale la pena ci spostiamo anche all’estero. Se proponiamo una nuova birra invitiamo direttamente il produttore che la spiega ai nostri clienti, ci piace questo approccio che aumenta la consapevolezza di chi beve da noi. Da quest’anno inoltre molte delle nostre birre sono autoprodotte in collaborazione con dei birrifici locali: la prima è stata “Como se llama”, souer con ananas e lime realizzata con il birrificio Babylon di Folignano, in provincia di Ascoli. Sarà presto il turno di una un’IPA, mentre per l’autunno arriveranno altre novità. Ci piace poi realizzare un altro tipo di collaborazioni come quella con Buskers Beer e il bifficio Godog: sabato 24 marzo presenteremo la birra Coin Hop in contemporanea con altri locali.


Il vostro birrificio del cuore? MC77  di Serrapetrona! È un anno e mezzo che abbiamo un rapporto sempre più stretto con loro, ci piace tenere fisse una o due vie con un loro birra, sia per l’estrema qualità sia per il rapporto umano che si è instaurato.

Veniamo alla musica, che tipo di live proponete? Organizziamo concerti un paio di volte al mese ma solo a certe condizioni. Cerchiamo soluzioni locali, artisti inediti che fanno musica propria piuttosto che cover. E cerchiamo di far coincidere i live con l’arrivo e la sponsorizzazione di nuova birra da far assaggiare ai nostri clienti. 

Siete diventati famosi anche per i vostri panini…. Fabric nasce come birreria quindi all’inizio non puntavamo molto sui nostri hamburger, svolgevano solo il ruolo di accompagnamento,  ma con il passare del tempo abbiamo aumentanto esponenzialmente la scelta, ora arriviamo ad offrire tra i 35 e i 40 tipi di panini! Cerchiamo di sperimentare molto, il resto la fanno la qualità delle materie prime, con carne sempre fresca cosi come il pane. Ogni dettaglio, dalle verdure alle salse, è prodotto direttamente da noi. I nostri panini sono frutto dei viaggi che abbiamo fatto, una volta tornati cerchiamo di reinterpretarli. Per scegliere il nome, prendiamo ispirazione da film che abbiamo visto e che ci sono piaciuti e dai viaggi stessi.  

Che scelte avete fatto nell’allestimento del locale?  Il locale è stato interamente arredato da noi, secondo il nostro gusto personale. Rispetto alla precedente gestione, a parte la struttura, abbiamo cambiato tutto, come il nostro bancone che è molto più grande. Ci piace molto l’arredamento in legno e cerchiamo di rendere il nostro locale più accogliente possibile per i nostri clienti.

Oltre alle birre servite super alcolici? Puntiamo soprattuto sui whisky, abbiamo molte bottiglie invecchiate e pregiate. Ma la vera chicca sono gli Idrococktail con idromele servito al posto dei superalcolici, che abbiamo in esclusiva grazie all’azienda Le Torri di Potenza Picena, fornitore ufficiale del Festival di Montelago.

Che tipo di clientela popola il Fabric? Una buona fetta della nostra clientela è formata da universitari, ma soprattutto frequentano il nostro locale ragazzi un po’ più grandi, tra i 25 e i 35 anni. In generale i nostri clienti sono giustamente esigenti, con richieste sempre più specifiche sulle birre.

Chiudiamo con le promozioni che proponete.  Allora, ogni mercoledì hamburger, birra e patatine a soli 10 euro per tutti gli studenti che si presentano con il proprio libretto universitario. E tutti i giorni in collaborazione con Macerasmus le birre da 0,33 costano 3 euro.  Proponiamo inoltre il nostro Aperibirra a  5 euro  che prevede birra, tagliere con fritti, affettati e mini burger che cambiamo ogni mese.

GALLERIA FOTOGRAFICA (credits: Giovanni Martone)

SEGUI FABRIC BREWEY MC SU FACEBOOK

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.